Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont
Coupe 'Bol à côtes frisé' by François-Emile Décorchemont

Coupe 'Bol à côtes frisé' 1927 - 1928

François-Emile Décorchemont

Bicchiere
10 cm, ø 17 cm
ConditionExcellent
€ 4.000 - 6.000

Dille Art

  • A proposito di opere d'arte

    Beautiful pâte de noche coupe by François Emile Décorchemont (Fr. 1880-1971). The glass of Décorchemont is highly sought after and was sold at the time by the renowned Galerie van Géo Rouard in Paris. Today his work can be admired in various museums, such as Musée D'Orsay in Paris. The coupe has a scalloped edge and is decorated with a stylized frieze in relief. The coupe stands on a slender foot. The coupe was made in 1927 and 1928. Décorchemont made only 17 copies, in different liveries. This coupe with the beautiful color of jade, veined with amber looks like a gemstone, yet it is pâte de noche. The coupe is signed with the well-known Décorchemont hallmark, in the shape of a scallop and is numbered on the underside 'B306'.

  • A proposito di opere artista

    François-Emile Décorchemont (Francia, 1880-1971), nasce in una famiglia artistica in cui entrambi i genitori erano artisti visivi.

    Suo padre insegnò anche all'École Nationale des Arts Decoratifs e François si formò anche lì dal 1896 al 1900. Ha anche lavorato a casa nello studio di ceramica dei suoi genitori. Dipingeva e realizzava ceramiche.

    Nel 1902 si ispirò così tanto al lavoro in pâte de noche dell'artista del vetro Albert Dammouse che iniziò a sperimentare anche questo difficile materiale.
    Décorchemont dipinge principalmente paesaggi e nel 1903 debutta al Salon des Artistes Français con dipinti e alcuni vasi di pâte de noche. Ha ricevuto una menzione d'onore per i suoi vasi.

    Dopo questo, si è concentrato completamente sul lavoro con la pâte de noche e ha continuato a sperimentare. Questi primi esperimenti sono stati laboriosi, il materiale è così difficile da lavorare e così fragile e anche costoso, il tempo di cottura può arrivare fino a pochi giorni. Tuttavia, perseverò ed espose regolarmente ai Saloni di Parigi, con successo, ricevendo numerosi premi e persino una borsa di studio nel 1908, che usò con gratitudine.

    Al suo ritorno si stabilì a Conches-en-Ouches. Iniziò quindi anche ad utilizzare la tecnica della cire-perdue, (tecnica della cera persa) con la quale cercava di ottenere la lucentezza delle pietre preziose sulla pâte de noche. Stava ancora sperimentando, con vari materiali, temperature e tempi di cottura. Ogni opera è stata lucidata, a volte è stato tagliato un motivo e poiché il pâte de Verre ha spesso irregolarità come bolle d'aria, grandi bolle d'aria e altre irregolarità sono state macinate.

    Nel 1910 riuscì anche a realizzare delle pâte de noche trasparenti. Le forme cambiavano a seconda della tecnica utilizzata. Vasi e ciotole erano più spessi e spesso un po' più scuri di colore, i suoi decori divennero leggermente più semplici, pesci, scarabei, libellule, motivi di foglie e fiori e maschere in rilievo.

    Espose il suo nuovo lavoro al Salon des Artistes nel 1911 e nel 1912 al Salon d'Automne e ricevette immediatamente la medaglia d'oro.

    Nel 1914 Décorchemont fu costretta a interrompere tutta la produzione a causa dello scoppio della prima guerra mondiale, i lavori non ripresero fino al 1919. Nei primi anni realizzò la stessa opera di prima degli anni della guerra, incorporò regolarmente maschere nei suoi disegni, come simbolo della paura della guerra e della serenità della pace.

    Durante gli anni '20, i disegni di Décorchemont divennero spesso più stilizzati, iniziò anche a utilizzare motivi geometrici. Le figure erano spesso incorporate nei suoi manici, come camaleonti, serpenti, pesci e cariatidi. I colori sono rimasti in gran parte come erano, ma spesso il vetro era marmorizzato, rigato e si serviva anche delle numerose bolle d'aria che si creavano nel processo di realizzazione. Ha anche iniziato a imitare la tartaruga.

    La fama di Décorchemont crebbe rapidamente e gli furono conferite molte posizioni onorevoli nei vari Saloni di Parigi. Le sue opere divennero (e sono tuttora) molto preziose.

    Espose anche all'Exposition Internationale des Arts Decoratifs del 1925 a Parigi. Il suo lavoro può essere visto in diversi padiglioni, come "Hotel d'un Collectioneur" di Jacques Ruhlmann. Ha inoltre partecipato a importanti mostre speciali internazionali, tra cui Ginevra, Stati Uniti, Atene, Amsterdam e Barcellona.

    La sua galleria abituale era Maison Géo (Galerie Rouard Paris), una galleria che offriva l'arte di tutti i grandi artisti progressisti nel campo dell'arte applicata dell'epoca, come Jean Luce, Marinot, Heiligenstein, Goupy, Navarra, Thunet Sala, Mayodon eccetera.

    Alla fine degli anni '20, i suoi disegni erano solo di forma puramente geometrica con decorazioni minime. Le superfici venivano spesso rettificate per enfatizzare la forma cubista.

    Negli anni '30 la sua produzione diminuì molto perché era completamente assorbito dalla produzione di vetrate. Dopo la seconda guerra mondiale tornò a lavorare con la pâte de noche, su piccola scala, oltre alle sue vetrate. Ha continuato a farlo fino alla sua morte nel 1971, quando aveva 91 anni.

Sei interessato ad acquistare questa opera d'arte?