Untitled (#119) by Bas Meeuws
Scroll to zoom, click for slideshow

Untitled (#119) 2015

Bas Meeuws

Stampa fotografica
100 ⨯ 100 cm
Prezzo su richiesta

Galerie Wilms Contemporary Art

  • A proposito di opere d'arte
    Edition of 4: 130 x 130 cm
    Edition of 8: 100 x 100 cm
  • A proposito di opere artista

    Bas Meeuws è un giovane fotografo che infonde nuova vita al tradizionale genere olandese delle nature morte floreali. Meeuws compone i suoi quadri come facevano i vecchi maestri: fiore per fiore, tutto lusso e splendore. Il risultato è un lavoro stratificato che trascende il tempo.


    Bas Meeuws vuole portare la bellezza reale e senza tempo nella vita quotidiana. Piacere, delizia, ecco di cosa si tratta. E in effetti, lo splendore delle sue sontuose opere schizza fuori. In natura, i fiori seducono le api e altri insetti, ma funzionano anche per le persone, fin dalla prima storia dell'umanità.
    Meeuws è incuriosito dal funzionamento delle nature morte floreali nel XVII secolo. Cerco di evocare in me i sentimenti degli spettatori di quel tempo. Lo stupore che devono aver provato guardando tutti quei fiori costosi ed esotici insieme".


    Apprezza anche molto la sensibilità dei primi maestri moderni per la transitorietà. Le loro opere non solo servivano ad esortare lo spettatore a godere, e a cogliere il giorno - carpe diem - ma con la loro bellezza congelata offrivano anche conforto per il passare del tempo. I bouquet nei dipinti erano costruzioni impossibili con fiori di diverse stagioni. Mi piace continuare con questo elemento del genere. Ti dà la possibilità di lavorare sopra il tempo, di fermarlo. Il comfort della fotografia, è così che mi piace vedere le mie nature morte", spiega Meeuws.


    Un tulipano elegantemente ondeggiante può essere composto da cinque diverse foto di fiori.
    La procedura di Meeuws mostra delle somiglianze con quella dei pittori di fiori del XVII secolo. La base delle opere monumentali di Meeuws sono fotografie digitali di singoli fiori, tutti fotografati con la stessa illuminazione. Meeuws fotografa ogni singolo fiore più volte, in diverse posizioni e con diverse intensità di luce. In questo modo, compila una vasta biblioteca digitale di fiori. La biblioteca floreale di Meeuws sembra essere una variante moderna dei libri di tulipani del XVII secolo e di altre opere botaniche dell'epoca. Nel XVII secolo, i pittori non potevano permettersi un vaso pieno di fiori, così componevano i bouquet sulle loro nature morte floreali da singoli fiori. A volte usavano esemplari reali, ma consultavano anche i libri sui tulipani come riferimento per la loro raffinata rappresentazione dei fiori.


    Per avvicinarsi di più alla natura e per ridurre l'atmosfera di un armadio delle curiosità, Meeuws sceglie i suoi fiori in modo diverso dai maestri del XVII secolo. Naturalmente uso i fiori che hanno fatto, perché sono bellissimi. Ma mi piace anche mostrare margherite e fiordalisi, per esempio. E uso il sedano come verde. Nelle mie opere si può vedere quanto siano belle le piante indigene, piccole, mentre per i bouquet ideali ed esotici dell'età dell'oro erano spesso troppo comuni.


    Bellezza e natura, tecnica e storia, stratificazione e arte. Meeuws intreccia tutti questi aspetti in opere radiose, splendidamente composte, amorevolmente realizzate. Conserva la ricchezza e lo splendore del passato. Ma con la fotografia digitale, si avvicina così tanto ai suoi fiori che questi lo toccano immediatamente.
    D'ora in poi, è sempre primavera.


    Testo: Karine van 't Land, storico culturale


Sei interessato ad acquistare questa opera d'arte?