Hans Rikken

Biografia
1956 -29 opere d'arte in vendita

Sul l'artista

Rikken ha studiato all'Accademia di arte e industria di Enschede, dove ha preso lezioni da Jan van Eyl e Pearl Perlmuter, tra gli altri. Si è laureato in plastica ad acqua nel 1980. L'artista ora vive e lavora a Groningen. Nell'anno Werkman (1995) Rikken ha realizzato un ponte in acciaio per la Gallery Art Show. Il ponte Werkman è stato collocato nel Soendavijver nella città... Read more

Rikken ha studiato all'Accademia di arte e industria di Enschede, dove ha preso lezioni da Jan van Eyl e Pearl Perlmuter, tra gli altri. Si è laureato in plastica ad acqua nel 1980. L'artista ora vive e lavora a Groningen.

Nell'anno Werkman (1995) Rikken ha realizzato un ponte in acciaio per la Gallery Art Show. Il ponte Werkman è stato collocato nel Soendavijver nella città di Groningen nel 1998.   Hans Rikken (1956) ha ricevuto numerose commissioni.

Ci sono circa 35 sue sculture sparse in tutto il paese. A parte il fatto che trova sempre una sfida portare a termine una commissione in modo buono e originale, negli anni ha acquisito un'enorme esperienza con i materiali e con il modo in cui i materiali possono essere combinati. Questa vasta esperienza chiaramente gli serve bene nel suo lavoro libero. All'inizio della sua carriera, Rikken ha lavorato principalmente con oggetti esistenti, oggetti che ha trovato nei suoi immediati dintorni o durante le sue passeggiate.

Questo metodo di lavoro non è cambiato completamente, solo che ora crea sempre più le parti di un lavoro che sente mancare. Per questo, deve solo girare intorno a lui, perché c'è abbastanza "stock". Uno sguardo nello studio rivela immediatamente anche un'altra caratteristica del suo lavoro: un'immagine di solito costituisce la base per l'altra. Si ispirano l'un l'altro, conducono da e verso l'altro, si chiamano in essere. Hans Rikken non ha un tema fisso nel suo lavoro. Lui stesso afferma che i sogni giocano un ruolo importante nella creazione della sua opera. A volte sogna letteralmente delle opere. La "parte curiosità" dei suoi sogni si rivela particolarmente stimolante. Mentre lo racconta, non è strano concludere che per lui un sogno funziona come uno schizzo per un altro artista. Inoltre, un testo o una frase particolarmente formulata di una canzone o di una poesia può essere l'ispirazione per una scultura. Le tante passeggiate nella natura e ciò che vede o ciò che gli si impone possono essere anche l'ispirazione per un nuovo lavoro. Anche un'immagine sorprendente di un documentario su "National Geographic" può essere l'innesco.

A volte le sculture sono figurative - per esempio, una tazza che realizzò in occasione della morte del padre - ma di solito astrazione e figurazione si incontrano o si fondono l'una nell'altra. Una scultura è sempre composta da parti diverse. Questi elementi dell'immagine sono combinati tra loro, come un collage o un assemblaggio. È sorprendente che la maggior parte di loro abbia un orientamento verticale. Non c'è un pensiero profondo dietro questo; sembra accadere automaticamente durante il processo creativo.

La cosa entusiasmante di questo metodo di lavoro è che non è solo l'accostamento di forme diverse a produrre sorprese, ma anche l'accostamento di materiali completamente diversi a produrre risultati imprevedibili. Infatti si potrebbe dire che racconta una storia ad ogni scultura, preferibilmente una storia assurda, una storia dai tratti kafkiani. Quella storia non è mai completamente finita; offre sempre allo spettatore la possibilità di creare la propria versione. Questo perché, come dice lui stesso, Rikken crea "aria intorno alle sue immagini", paragonabile ai pezzi di bianco in poesia. Crea letteralmente e figurativamente lo spazio.

Le sue sculture suggeriscono piuttosto che raccontare una storia con un inizio e una fine. Ha una spiegazione semplice e logica per gli sviluppi del suo lavoro. "Segna la sua vita" con le sue sculture. Gli eventi ei cambiamenti nella sua vita - invecchiare, acquisire più esperienza, avere un occhio aperto per le mutevoli possibilità tecniche ecc. - si riflettono nel suo lavoro. - si riflettono nel suo lavoro. Ciò che mi ha colpito anche quando ho visitato il suo studio è che Hans Rikken non è un artista tormentato.

Ha una visione ottimistica della vita e quindi prova piacere visibile nel creare. Gli dà ancora soddisfazione sorprendersi con l'ennesima scultura, con l'ennesima composizione, con l'ennesimo effetto narrativo sullo spettatore.

Opere d'arte

Filter Opere d'arte
  • Categoria
  • Prezzo
  • Stile
  • Colore
  • Dimensioni
  • Art dealer