Sul l'artista

Jan Cremer (Enschede, 20 aprile 1940) è uno scrittore e artista visivo olandese. Jan Cremer è meglio conosciuto per il romanzo Ik, Jan Cremer del 1964 e Ik Jan Cremer, secondo libro del 1966. Il suo secondo libro è stato paragonato a On the Road di Jack Kerouac. Cremer ha un orecchio acuto per il linguaggio volgare e umoristico e un occhio per il lato assurdo del glamour... Read more

Jan Cremer (Enschede, 20 aprile 1940) è uno scrittore e artista visivo olandese. Jan Cremer è meglio conosciuto per il romanzo Ik, Jan Cremer del 1964 e Ik Jan Cremer, secondo libro del 1966. Il suo secondo libro è stato paragonato a On the Road di Jack Kerouac. Cremer ha un orecchio acuto per il linguaggio volgare e umoristico e un occhio per il lato assurdo del glamour americano, il che lo rende imparentato con Louis-Ferdinand Céline e Nathanael West, specialmente in Ik, Jan Cremer Derde Boek e Made in USA. studiò presso le accademie d'arte di Arnhem e L'Aia, dove visse nell'Annastraat.

La letteratura e l'arte visiva di Cremer mostrano sorprendenti somiglianze. Entrambi puntano a liberarsi dall'estetica tradizionale e dal secolare bagaglio culturale, come dimostrano le seguenti citazioni:

- "Io non leggo, mi leggo".

- "Rembrandt? Chi è? Non so niente di sport. "

Entrambe le citazioni rivelano la sua capacità di scioccare o almeno attirare l'attenzione e di vendersi come un temerario dal talento dimostrabile (cfr. James Dean): l'esperienza della cultura come un fardello si inserisce in questo quadro. Ik Jan Cremer in particolare, ma anche la sua 'peinture barbarie', simile a quella di Karel Appel, hanno provocato un grande shock nella società. Azioni come appendere una carta di 1.000.000 di fiorini a un dipinto (all'epoca aveva solo 18 anni) e il forte clacson lungo la palla di libri lo hanno reso un enfant terrible dell'arte e della letteratura olandese. La rilevanza letteraria dell'opera di Cremer è principalmente incarnato in Ik Jan Cremer. Al centro di questo è la liberazione degli ideali degli anni '50. È un presagio del sesso libero e dei selvaggi anni '60.

Questo spiega perché Cremer fosse molto letto anche al di fuori dei Paesi Bassi. Anche questo ha dato adito a critiche. Furono poste interrogazioni parlamentari sul libro, fu chiamato fascista e gli hooligan del calcio furono accusati di "Jan Cremerismo". Lo stesso Cremer ha collaborato molto a questo, perché ne vedeva le possibilità commerciali. Quando un poliziotto diligente a Hengelo confiscò copie di Ik Jan Cremer all'inizio del 1964, su diversi giornali apparvero dichiarazioni di sostegno da parte di genitori preoccupati. Si scoprì che erano stati tutti scritti da Jan Cremer. Dal 1970 Cremer è stato in grado di combinare il suo lavoro con il suo amore per i viaggi e il vagabondaggio. Viaggia sei mesi all'anno, gli altri mesi divide il suo tempo tra la scrittura e la pittura. Molti dei suoi viaggi sono una ricostruzione della migrazione degli Unni sotto Attila e dei Mongoli sotto Djenghis Khan. Cremer sente un forte legame con questi popoli, ancor prima che un genealogista scopra di essere lui stesso originario della Mongolia da parte di madre.

Dopo il 1970 si concentrò principalmente sulla litografia, che sfociò, tra l'altro, in una serie di tulipani 'Paesaggi olandesi'. Racconta dell'Olanda come solo un emigrante sapeva fare, parlando di un vasto paese dai bei colori, un cielo azzurro e vuoto, un prato verde, sculture di nuclei gialli su una terra falciata (...). Se hai intenzione di nominare qualcosa del genere, allora tali rappresentazioni si adattano sotto il titolo di una bambola. (...) Ma per lui pop non significa solo popolare, ma anche molto popolare', ha scritto Wim Beeren, direttore del museo Boijmans Van Beuningen. Il suo lavoro visivo è continuamente esposto in grandi mostre personali in patria e all'estero. Cremer è interpretato da Remco Campert nella sua novella Tjeempie! Oppure Liesje nel Luilettereland pervertito come il Predator, come uno degli scrittori moderni che visiterà Liesje. In questo romanzo Cremer è descritto come un lutto aggressivo per il quale tutti strisciano nella polvere. Sa che si tratta di "munnie nella figa e un bebie a letto", e invece di un'auto ha un elicottero d'oro. Di tutti gli scrittori moderni, è descritto come il peggiore: "non è un uomo ma un animale".

Nel 1999 è stata pubblicata la raccolta di racconti De Venus van Montparnasse (La Venere di Montparnasse), una raccolta di dodici reportage letterari del repertorio giornalistico di Cremer. Il 30 novembre 2000 è stato nominato Cavaliere dell'Ordine del Leone olandese. Nel suo libro De Hunnen (The Huns) Cremer critica ferocemente il governo di Londra durante l'occupazione nella seconda guerra mondiale, che indisse lo sciopero delle ferrovie nel 1944. Secondo lui, questo sciopero causò di fatto l'inverno della fame, perché significava che il cibo delle parti settentrionali del paese (comprese le patate di Groningen) non potesse essere trasportato nelle grandi città nell'affamato ovest del paese.

Dal 10 al 27 giugno 2013, Cremer ha avuto più di mille opere d'arte, fotografie, lettere e altri documenti personali e oggetti di suo possesso messi all'asta. Il suo libro Fernweh è stato pubblicato nel 2016. Il suo libro Sirens è stato pubblicato nel 2018. Il suo libro Jayne è stato pubblicato nel 2018. Nel 2019 è stato pubblicato il suo libro Canaille. Suo figlio Cliff Cremer (*1965) ha pubblicato il libro Bomberjack nel 2000, in cui imita il padre. Nel 2020 gli è stata assegnata la medaglia Frans Banninck Cocq. La medaglia viene assegnata agli Amsterdammers che si sono resi particolarmente mer itori, ad esempio, in campo culturale. Il vicesindaco Rutger Groot Wassink ha definito Cremer "un predecessore e un sostenitore della libera Amsterdam come la conosciamo oggi e dove tutti sono i benvenuti".

Opere d'arte

Filter Opere d'arte
  • Categoria
  • Prezzo
  • Stile
  • Colore
  • Dimensioni
  • Art dealer

13 opere d'arte in vendita da Jan Cremer

Ordinato peraggiunto recentemente
All artworks