Sul l'artista

Wim van der Kant è un artista autodidatta. È nato a Kampen nel 1949 e lì ha frequentato la scuola fino alla HBS(B inclusa). ('69), ha completato il corso di artigianato(B) presso l'Accademia di Educazione Visiva di Amersfoort ('70-'75), con materie prime come la ceramica e le forme spaziali. Sebbene durante il mio periodo di formazione il realismo fosse piuttosto contaminato, alla lunga non ho... Read moreWim van der Kant è un artista autodidatta. È nato a Kampen nel 1949 e lì ha frequentato la scuola fino alla HBS(B inclusa). ('69), ha completato il corso di artigianato(B) presso l'Accademia di Educazione Visiva di Amersfoort ('70-'75), con materie prime come la ceramica e le forme spaziali. Sebbene durante il mio periodo di formazione il realismo fosse piuttosto contaminato, alla lunga non ho potuto lasciare il lavoro figurativo. Le prime sculture in bronzo risalgono alla fine degli anni '80. Dalla metà degli anni '90 l'opera è rappresentata principalmente dalla Galerie Utrecht (Oudegracht 338-340). Questa galleria merita una visita. Hanno un sacco di lavoro realistico. Questo agente assicura che il lavoro venga regolarmente esposto e appare anche in fiere come Kunst-RAI, HAF, Lineart ecc. Negli ultimi anni ho rinunciato a parte del lavoro nell'educazione per potermi concentrare maggiormente sulla realizzazione di sculture . Non ho altro ricordo di me che come qualcuno con un intenso bisogno di plasmare ciò che mi commuove. Le origini del lavoro degli ultimi decenni si trovano da qualche parte nel mio settimo anno di vita, quando improvvisamente mi trovai faccia a 'Age d'Arain' in una mostra all'aperto nella mia città natale durante la chiesa domenicale. In quel momento mi si è rivelato: è quello che voglio. È stato più difficile che sapere questo mantenere questa decisione. In realtà, mi sento più come se negli anni la decisione fosse rimasta su di me. L'ambiente in cui sono cresciuto non era direttamente focalizzato sull'apprendimento di abilità non necessarie come fare arte. Certamente non questo. La rappresentazione realistica dell'uomo in questo modo non ha avuto molta risonanza, per non dire altro. Senza sapere consapevolmente che mi ero allontanato dal mio obiettivo, ho intrapreso la strada del guadagno. Fu una fortuna che in quel momento nacque qualcosa come l'istruzione ad Amersfoort. Eppure ci sono voluti almeno fino ai trentacinque anni prima che qualcosa di quel vecchio bisogno iniziasse inevitabilmente a imporsi su di me. Quando ho fatto le cose (e l'ho fatto per tutta la vita), le mie mani hanno cominciato a vivere una vita propria . Le prime figure umane che sono nate in quel momento, per la prima volta in vent'anni, hanno fatto loro, non io. Mi ci è voluto un altro anno per capire: questo è quello che voglio davvero. C'era da sempre e ora sta uscendo. Fin dall'inizio ho lavorato su un modo abbastanza stretto e dettagliato di rappresentare la forma umana. Mi è stato subito chiaro che il modo in cui preferivo dare forma alle idee era più adatto ai giovani. E una volta su quella pista, ho cominciato a riconoscere le mie motivazioni. Avevo qualcosa da raccontare che ho scoperto; Volevo raccontare storie del momento in cui il bambino acquisisce la sua indipendenza, inizia a scoprire fuori di sé, si sviluppa e diventa dipendente da se stesso. Fare un lavoro accessibile solo con una mente aperta. Non per coloro che vogliono metterci un simbolismo diverso e non si preoccupano di assorbire quei valori che sono visibili solo allo spettatore con una mente pura. La domanda sorge spontanea: 'perché ragazzi? La stessa domanda, con la stessa intenzione, posta a un artista che realizza sculture di animali è probabilmente considerata imbarazzante dalla maggior parte delle persone. La risposta è semplice: perché lo sono anch'io. A poco a poco penso di essere impegnato trasformare alcuni sentimenti ed esperienze intense della mia infanzia in sculture. Scoprire che puoi fare le cose, per te stesso. Vedere cosa significa il proprio corpo come veicolo per la propria anima. La consapevolezza che il mondo intero è aperto a te. In questo senso il mio lavoro ha più a che fare con lo scoutismo che con l'erotismo. Lavorando ho anche scoperto che non mi occupo molto di immagini di donne realizzate da uomini, né viceversa. Diventano tutti troppo rapidamente oggetti di lussuria. Se da qualche parte noto un'immagine per la sua espressività, è dieci a uno che il creatore ha lo stesso sesso dell'immagine. Sfortunatamente, le immagini realistiche mancano di obiettività. È incapace di descrivere la realtà in modo univoco. Ciò è strettamente legato alle riserve sulla nudità. Ci vuole coraggio e apertura da parte dello spettatore per voler vedere che non fa appello ai suoi sentimenti di lussuria, ma è usato per mostrare un aspetto di intensa onestà.Sto cercando sempre più di enfatizzare l'incontaminato e la richiesta di rispetto per esso . Rispetto anche per la solitudine dell'essere umano nei momenti di reale importanza Chi pensa che l'opera, in quanto figurativa, sia (troppo) facilmente accessibile dovrebbe chiedersi cosa viene effettivamente raccontato. Tutte le immagini sono realizzate con un modello. Tuttavia, non aspettarti mai che ti dia nomi o immagini di loro. Questo è qualcosa di completamente diverso dal messaggio che hanno le immagini. Danneggerebbe il mondo personale del modello, così come l'intenzione dell'immagine. In questo senso, il modello è solo un effetto collaterale tecnico.

Opere d'arte

Filter Opere d'arte
  • Categoria
  • Prezzo
  • Stile
  • Colore
  • Dimensioni
  • Art dealer

Art dealer featuring this artist